I FILM NON SI CANCELLANO, SEMMAI SI MOLTIPLICANO!

L’assemblea di ieri sera al Cinema Aquila, che ha riempito la sala Anna Magnani, ha ribadito il NO corale alla censura tentata dall’amministrazione del Municipio V rispetto ad alcuni titoli messi in cartellone nella settimana 13-19 marzo dal tavolo aperto di programmazione.

Le associazioni, i comitati e i cittadini, del municipio e non, che portano avanti il processo partecipato di organizzazione temporanea del cinema Aquila sono determinati, ancor più oggi con la solidarietà dimostrata da chi è accorso all’assemblea, a mantenere in piedi il percorso, con le caratteristiche di apertura e inclusività che ha sempre avuto e senza accettare censure su opere d’arte che possano risultare politicamente scomode per chicchessia.

Se il Municipio vuole integrare il programma deciso dal tavolo di cui è partecipe e garante, può farlo oggi come era stato invitato a fare nei giorni scorsi. I film non si cancellano, ma possono moltiplicarsi!

Confermiamo quindi gli appuntamenti già fissati al Cinema Aquila, e in particolare i titoli che hanno suscitato inaccettabili polemiche e a cui siete tutti e tutte invitati a partecipare:

Per la Settimana contro l’apartheid israeliana al Cinema Aquila – Roma :

Martedì 14

Ore 19.00 Proiezione di The Wanted 18 (75′), di Paul wanted18posterNEW.pngCowan, film di animazione di produzione canadese/palestinese proposto agli Oscar come miglior film straniero.
Un po’ fiction, un po’ documentario, un po’ cartone animato, The Wanted 18, di Amer Shomali e Pal Cowan, è la storia, realmente accaduta, di 18 mucche ricercate dall’esercito israeliano nel paese palestinese di Beit Sahour che, durante la prima Intifada, ha provato a contrastare l’occupazione israeliana con il boicottaggio economico. Una storia raccontata con ironia, usando la combinazione di animazione, interviste e ricostruzioni, candidata agli Oscar nella categoria delle pellicole in lingua straniera.

Mi-chiamo-Rachel-Corrie-sala-uno-546x1024Ore 21.00 Mi chiamo Rachel Corrie, spettacolo con Maria Laura Caselli tratto da un testo di Alan Rickman

Rachel è una ragazza americana, di Olympia, Washington, che nel 2003 decise di unirsi all’ISM: International Solidarity Movement, movimento palestinese impegnato a resistere all’occupazione israeliana usando i metodi e i principi dell’azione-diretta non violenta.
Poco tempo dopo il suo arrivo a Gaza, Rachel venne brutalmente uccisa da un bulldozer israeliano mentre cercava di difendere la casa di un medico palestinese usando il suo corpo come uno scudo umano. La sua vita venne stroncata a soli 23 anni.

Mercoledì 15

hebronOre 19.00 Proiezione di “This is my land… Hebron” (72′), di Giulia Amati e Stephen Natanson, documentario italiano nominato ai Nastri d’Argento e al David di Donatello.
Il film racconta quello che in molti preferiscono non vedere, si inoltra tra le contraddizioni di uno scontro fatto di calci e sputi, selciate e insulti, bambini contro bambini, donne contro donne, famiglie contro famiglie. “This is my Land… Hebron” è un implacabile viaggio alla scoperta degli aspetti più nobili, mostruosi e contraddittori dell’animo umano. Un folgorante ritratto di una terra santa e maledetta, promessa e contesa da troppi.

Ore 21.00Salt of this Sea (109′), di Annemarie Jacir, produzione franco/belga/palestinese selezionata a Cannes.

Giovedì 16

Ore 19.00 ASSEMBLEA PUBBLICA
piccolomondocanelocOre 20.00 Proiezione di Piccolo Mondo Cane (62′), documentario inedito di Claudio Casale e Matteo Bennati.
Il 31 aprile 2016 i 93 lavoratori del Canile Comunale Della Muratella sono stati licenziati.  Da allora gli ex lavoratori, per otto mesi, hanno continuato a prestare servizio nel canile a titolo gratuito per non abbandonare a se stessi quasi 700 animali, supportati unicamente dalle donazioni dei cittadini, utili a malapena a coprire i costi della struttura. Tra la difesa del benessere di tutti gli animali – anche se malati o violenti – e la tutela del diritto al lavoro, “Piccolo Mondo Cane” racconta l’autogestione degli ex-lavoratori e le lotte per vedere il proprio lavoro riconosciuto dal Comune di Roma.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...